Novitŕ Tasi 2016

Si avvisano i contribuenti che  la legge di stabilità 2016 ha inserito delle importanti novità:

Abitazione principale: viene eliminata la TASI solo sull’immobile adibito ad abitazione principale sia per i proprietari, che per occupanti/inquilini (quando per l’inquilino l’immobile in locazione è abitazione principale).

Rimane invece in vigore la TASI per le abitazioni principali di lusso (cat. A1, A8, A9) altri fabbricati e categorie.

Comodato d'uso gratuito: l’immobile in comodato non è assimilabile ad abitazione principale come poteva avvenire negli anni precedenti ma rimane un immobile soggetto ad aliquota ordinaria con base imponibile ridotta del 50% (sia ai fini IMU che ai fini TASI) fatta eccezione per quelle facenti parte delle categorie catastali A1, A8, A9 .

Requisiti comodato d’uso gratuito:

1) concessione in comodato d’uso gratuito a parenti in linea retta entro il primo grado,

2) utilizzo dell'immobile come abitazione principale a condizione che il contratto sia registrato,

3) il comodante (proprietario) può possedere massimo due immobili di cui uno concesso in comodato e  uno adibito ad abitazione principale e situato nel medesimo comune dell’immobile concesso in comodato.

La legge di stabilità per l’anno 2016 ha previsto l’esclusione della TASI per l’occupante (ovvero chi ha preso l'immobile in comodato d’uso) .

Persiste l’obbligazione tributaria a carico del comodante, una volta ridotta la base imponibile del 50%  nella misura della percentuale stabilita dal comune nel regolamento relativo all’anno 2015.

Di seguito si riportano le aliquote 2015 che rimangono invariate anche per l’anno 2016 come previsto dalla legge di stabilità.

 

Aliquote IMU:

Aliquota abitazione principale : 0,4 %

Aliquote di base : 0,86%

 Aliquote TASI

Abitazioni principali : 0,05%

Altri immobili comprese aree fabbricabili : 0,05%

Fabbricati rurali : 0,05%

Soggetti passivi : occupante 10% - proprietario 90%

 

L 'ufficio Tributi, Patrimonio e Commercio rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento.

D.ssa Simona Savoia




Condividi su: Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su GooglePlus