Rimosso il divieto di balneazione a Murtas

L’Agenzia Generale del Distretto Idrografico della Sardegna con una sua nota ha formalizzato la rimozione del divieto di Balneazione che vigeva sulle acque di Murtas dal 1996.
Il divieto era stato istituito per rispondere alla normativa allora vigente che vietava la balneazione in prossimità delle zone militari, portuali e delle foci dei fiumi. Da allora ad oggi la normativa è stata modificata e sono stati istituiti diversi punti di controllo in tutto il tratto costiero interessato. Le analisi effettuate costantemente dall’ARPAS negli ultimi anni hanno dato l’esito che tutti noi ci auguravamo, ovvero nulla osta, sulla base degli esiti delle attività del 2016, all’inserimento delle acque di Murtas nell’elenco delle acque di balneazione della Sardegna a partire dalla stagione balneare 2017.
Per la stagione balneare 2016 evidenziamo il risultato importantissimo e per certi versi storico ossia la rimozione del divieto di balneazione per l’intera spiaggia di Murtas e che, come cita ufficialmente la nota dell’Agenzia Regionale, contestualmente vengono istituite le “Acque di Studio” afferenti ai due Punti Studio esistenti, ove la qualità delle acque ai fini della balneazione è da intendersi “controllata”.
L’inserimento delle acque di Murtas nell’elenco regionale delle acque di balneazione non sarà possibile per quest’anno, ma solo per questioni burocratiche di tempistica, l’istituzione infatti deve avvenire entro i primi giorni del mese di marzo di ogni anno.
Tra pochi giorni verrà siglato l’accordo con il PISQ per consentire l’accesso alle spiagge via terra. Dalla prossima settimana Murtas sarà nuovamente fruibile da tutti, senza alcun divieto di balneazione e per l’intera stagione estiva, e per la prima volta dopo tanti anni verrà riaperto l’accesso anche alla zona centrale della spiaggia.
Importanti e bellissime novità ci aspettano, sono stati infatti conclusi i lavori di sistemazione dei parcheggi, e sono state posizionate le passerelle in legno che consentono di raggiungere l’arenile nel massimo rispetto del sistema dunale.




Condividi su: Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su GooglePlus