L.R. n. 4/2006, art. 17, comma 1 - Programma Regionale "Ritornare a casa"


Che cos'è:

 Il Programma Regionale “Ritornare a casa” è finalizzato a favorire la permanenza nel proprio domicilio di persone in situazione di grave e gravissima non autosufficienza, che necessitano di un livello assistenziale molto elevato.
È rivolto esclusivamente a persone con totale perdita di autonomia, che necessitano di assistenza per compiere tutte le attività quotidiane, oltre che di interventi medici ed infermieristici frequenti, effettuabili a domicilio.


Requisiti:

 I beneficiari devono trovarsi in almeno una delle seguenti condizioni:
- dimesse da strutture residenziali a carattere sociale e/o sociosanitario dopo un periodo di ricovero non inferiore a 12 mesi;
- che a seguito di una neoplasia si trovino nella fase terminale, clinicamente documentabile, della vita;
- con grave stato di demenza valutato sulla base della scala CDRs con punteggio 5;
- con patologie non reversibili (degenerative e non degenerative con altissimo grado di disabilità, ad es. SLA);
- con patologie ad andamento cronico degenerativo con pluripatologia.

 


Dove:

UFFICIO SERVIZI SOCIALI
Dott.ssa Daniela Trebini
Via Leonardo da Vinci snc 2° Piano
070/997013
fax 070997075
servizi.sociali@comune.villaputzu.ca.it

ORARIO E GIORNI DI APERTURA AL PUBBLICO:
Mattina: Lunedì e Venerdì dalle 10:30 alle ore 13:00
Pomeriggio: Mercoledì dalle 16:00 alle ore 18:00


Come:

 La persona disabile interessata (oppure, per suo conto, il genitore, un familiare di riferimento, il tutore o l'amministratore di sostegno) deve presentare domanda su apposito modulo all’Ufficio Servizi Sociali del Comune, il quale predispone il progetto personalizzato congiuntamente all’équipe multidimensionale dell’Azienda per la Tutela della Salute. Il Comune eroga i contributi economici a rimborso delle spese sostenute dal beneficiario per l’attuazione del progetto personalizzato, dietro presentazione delle relative pezze giustificative.
Il progetto non può essere affidato ai familiari per cui esiste l’obbligo degli alimenti, così come previsto dall’art. 433 del codice civile:
• il coniuge;
• i figli, anche adottivi, e (in loro mancanza) i discendenti prossimi;
• i genitori, anche adottivi, e (in loro mancanza) gli ascendenti prossimi;
• i generi e le nuore;
• i suoceri e le suocere;
• i fratelli e le sorelle.

 

Note:
Il Programma “Ritornare a casa” è incompatibile con i contributi di cui alla L. n. 162/98


Normativa:

  Legge Regionale n. 4/2006, art. 17, comma 1


Questo procedimento stato stampato da: Il Sito del Comune di Villaputzu
http://www.comune.villaputzu.ca.it

L'indirizzo web di questo procedimento :
http://www.comune.villaputzu.ca.it/modules.php?name=Procedimenti&pa=showpage&pid=91